BANCA DATI AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

I DATI DELLA FINANZA PUBBLICA ACCESSIBILI A TUTTI

 

 

Rendiconto Generale dello Statohttp://www.bdap.tesoro.it/sites/openbdap/cittadini/bilancideglienti/bilanciofinanziariostato/rendicontogeneraledellostatoRendiconto Generale dello Stato<div class="testobox"><p>​Pone a confronto le previsioni di entrata e di spesa con quanto effettivamente realizzato, mettendo in luce le entrate ancora non percepite (residui attivi) e le spese rimaste da pagare (residui passivi). Il Rendiconto generale dello Stato, entro il 31 maggio dell’anno successivo all’anno di consuntivazione, viene inviato dal Ministro dell’economia e delle finanze, per cura del Ragioniere generale dello Stato, alla Corte dei conti per il giudizio di parificazione; in seguito alla restituzione del Rendiconto da parte della Corte dei conti al Ministro dell’economia e delle finanze, quest’ultimo, entro il mese di giugno, lo presenta al Parlamento per l’approvazione mediante un apposito disegno di legge, che rende definitivo e irrevocabile il contenuto del Rendiconto.</p></div>Il Rendiconto Generale dello Stato chiude il “ciclo di vita” del bilancio ed espone i risultati della gestione dell’esercizio scaduto il 31 dicembre dell’anno precedente.

 

 

Pubblicati nel portale OpenBDAP i dati del Rendiconto Generale dello Stato 20162017-06-30T22:00:00Zhttp://www.bdap.tesoro.it/Informazioni/Pagine/Rendiconto-Generale-dello-Stato-2016.aspxPubblicati nel portale OpenBDAP i dati del Rendiconto Generale dello Stato 2016I dati relativi al Rendiconto Generale dello Stato 2016 sono ora disponibili nel portale OpenBDAP sia in formato elaborabile, scaricabile attraverso l’apposita sezione OpenDATA, sia in un formato consultabile mediante i cruscotti del bilancio dello Stato.
Nuovi contenuti pubblicati nella sezione relativa all'area tematica “Bilancio Finanziario dello Stato"2017-03-20T23:00:00Zhttp://www.bdap.tesoro.it/Informazioni/Pagine/Rendiconto.aspxNuovi contenuti pubblicati nella sezione relativa all'area tematica “Bilancio Finanziario dello Stato"Pubblicati nel portale OpenBDAP i dati del Rendiconto Generale dello Stato per gli anni finanziari che vanno dal 2011 al 2015.
OpenBDAP2017-03-20T23:00:00Zhttp://www.bdap.tesoro.it/Informazioni/Pagine/OpenBDAP.aspxOpenBDAPÈ in linea OpenBDAP, la Banca Dati delle Amministrazioni Pubbliche aperta a tutti i cittadini.

 

 

Risparmio Pubblicohttp://www.bdap.tesoro.it/sites/openbdap/cittadini/bilancideglienti/bilanciofinanziariostato/rendicontogeneraledellostato/Pagine/IndicatoreRisparmioPubblico.aspxRisparmio Pubblico<p>Risultato differenziale tra il totale delle ENTRATE TRIBUTARIE ed EXTRATRIBUTARIE ed il totale delle SPESE CORRENTI, costituisce il parametro per il riscontro di copertura delle nuove o maggiori spese correnti e per il rimborso di prestiti.</p>
Saldo Netto da Finanziarehttp://www.bdap.tesoro.it/sites/openbdap/cittadini/bilancideglienti/bilanciofinanziariostato/rendicontogeneraledellostato/Pagine/IndicatoreSaldonettodaFinanziare.aspxSaldo Netto da Finanziare<p>Risultato differenziale delle operazioni finali, rappresentate da tutte le ENTRATE e le SPESE, escluse le operazioni di accensione e rimborso di prestiti, costituisce il parametro per il riscontro di copertura delle nuove o maggiori spese in conto capitale.</p>
Ricorso al Mercatohttp://www.bdap.tesoro.it/sites/openbdap/cittadini/bilancideglienti/bilanciofinanziariostato/rendicontogeneraledellostato/Pagine/IndicatoreRicorsoalMercato.aspxRicorso al Mercato<p>Risultato differenziale tra il totale delle ENTRATE FINALI ed il totale delle SPESE COMPLESSIVE, esprime l'entita' dell'indebitamento a medio e a lungo termine potenzialmente effettuabile nell'anno di riferimento.</p>

 

 

CRUSCOTTI DI CONSULTAZIONE DEL BILANCIO DELLO STATOhttp://www.bdap.tesoro.it/sites/openbdap/cittadini/bilancideglienti/bilanciofinanziariostato/DisegnodiLegge/Pagine/ReportisticaBilancioInRete.aspxCRUSCOTTI DI CONSULTAZIONE DEL BILANCIO DELLO STATO<div class="testobox"><p>Il sistema proposto è intuitivo nell'utilizzo e tale da consentire anche ad una utenza occasionale o poco operativa la possibilità di fruire immediatamente dei risultati. Ciascuna area di analisi a disposizione dell'utente è attivabile direttamente da una pagina contenente l'elenco delle aree presenti nel sistema. La tecnologia con cui sono state realizzate ciascuna delle aree di analisi è un ambiente in grado di presentare in modalità intuitiva ed interattiva misure di sintesi e rappresentazioni grafiche degli andamenti e delle distribuzioni. Inoltre, per presentare all'utente una modalità omogenea di visualizzazione e interazione dell'informazione, ciascuna area è stata strutturata in quattro sezioni che rappresentano rispettivamente il dettaglio delle informazioni (tabella), la loro distribuzione (torta), la % di incidenza (diagramma impilato) e la serie storica (istogramma e linee). <br> Più precisamente, ad eccezione dei quadri dedicati alla consultazione dei risultati differenziali, nella pagina "tipo" sono presenti i seguenti quadri interattivi: </p><p></p><ul class="dot _box"><li>Dettaglio (in alto a sinistra) - Il quadro espone gli stanziamenti di Competenza e di Cassa in migliaia di euro relativi alle voci del livello di analisi selezionato rilevati nell'anno selezionato. Per la Competenza viene inoltre esposta l'incidenza percentuale di ciascuna voce su totale del relativo livello di analisi. Le voci possono essere ordinate in ordine crescente e decrescente selezionando l'intestazione della colonna contenente i valori in base ai quali effettuare l'ordinamento. </li><li>Distribuzione (in alto a destra) - Il quadro sintetizza mediante un grafico a torta la distribuzione delle risorse stanziate sulle voci del livello di analisi selezionato relativa all'anno selezionato. </li><li>Incidenza (in basso a sinistra) - Relativamente all'anno selezionato, sintetizza mediante una barra in pila l'incidenza della voce selezionata su uno dei seguenti totali: Spese Finali, Entrate Finali, Spese Complessive, Entrate Complessive, a seconda dell'area e del livello di analisi selezionati. </li><li>Serie Storica (in basso a destra) - La parte superiore del quadro rappresenta mediante una linea con indicatori l'andamento nel tempo del contributo percentuale della voce selezionata sul totale di una delle seguenti voci: Spese Finali, Entrate Finali, Spese Complessive o Entrate Complessive a seconda dell'area e del livello di analisi selezionati. La parte inferiore del quadro rappresenta mediante un istogramma l'andamento nel tempo delle risorse stanziate per la voce selezionata. Dalla pagina di apertura è poi possibile approfondire l'analisi attraverso la selezione (tramite le <em>combo box</em> presenti nella parte superiore della pagina) del livello di gerarchia analitica di interesse ed è possibile approfondire l'esame delle misure di bilancio. </li></ul> <p></p></div>

 

 

SALDI - Risultati differenziali del Bilancio Previsionale di Competenzahttp://www.bdap.tesoro.it/sites/openbdap/cittadini/bilancideglienti/bilanciofinanziariostato/rendicontogeneraledellostato/Pagine/saldi.aspxSALDI - Risultati differenziali del Bilancio Previsionale di Competenza<a href="http://mstrbir.mef.gov.it/MicroStrategy/servlet/mstrWeb?Server=bllr-rgs-mstr93&Project=CONSIP+Bilancio+in+Rete&port=0&evt=2048001&src=mstrWeb.2048001&visMode=0&documentID=EF0AB72C45D41D261890589AEBE4ECEA&currentViewMedia=8&hiddensections=header%2cpath%2cdockTop%2cdockLeft%2cfooter&uid=bilancio_web&pwd=Prima.1" target="_blank">Consulta</a> <div class="testobox"><p>Il cruscotto relativo ai SALDI di bilancio presenta in tre distinti quadri, le sintesi grafiche e tabellari dei risultati differenziali del bilancio di competenza attraverso le seguenti grandezze: RISPARMIO PUBBLICO, SALDO NETTO DA FINANZIARE, RICORSO AL MERCATO, analizzate: per singolo esercizio finanziario, in serie storica e con focus su ciascun saldo e presentazione delle grandezze componenti la relativa regola di calcolo.</p></div>

 

 

PREVISIONI DI SPESA - Analisi per Ministero, Missione, Programma, Macroaggregatohttp://www.bdap.tesoro.it/sites/openbdap/cittadini/bilancideglienti/bilanciofinanziariostato/rendicontogeneraledellostato/Pagine/PrevisionidiSpesaAnalisiperMinisteroMissioneProgrammaMacroAggregato.aspxPREVISIONI DI SPESA - Analisi per Ministero, Missione, Programma, Macroaggregato<a href="http://mstrbir.mef.gov.it/MicroStrategy/servlet/mstrWeb?Server=bllr-rgs-mstr93&Project=CONSIP+Bilancio+in+Rete&port=0&evt=2048001&src=mstrWeb.2048001&visMode=0&documentID=1C12E5F041B24D4DEFBB1DBEBF5273A6&currentViewMedia=8&hiddensections=header%2cpath%2cdockTop%2cdockLeft%2cfooter&uid=bilancio_web&pwd=Prima.1" target="_blank">Consulta</a> <div class="testobox"><p>Cruscotto che consente la consultazione delle serie storiche delle previsioni di spesa che si prevede di impegnare e di pagare nell'anno cui il bilancio si riferisce, secondo l'impostazione del disegno politico del bilancio finalizzato alla decisione parlamentare (il cosiddetto ''Bilancio Decisionale''). Ai sensi della nuova classificazione delle poste contabili introdotta a partire dall'esercizio finanziario 2008, le spese sono articolate, nell'ambito degli stati di previsione dei singoli Ministeri, in tre livelli di aggregazione come segue: al primo livello, le risorse stanziate su ogni singolo MINISTERO vengono ripartite sulle MISSIONI, che esprimono ''le funzioni principali e gli obiettivi strategici perseguiti con la spesa pubblica''. al secondo livello, le risorse stanziate vengono ripartite sui PROGRAMMI, mediante i quali si realizzano concretamente le Missioni; essi rappresentano ''aggregati omogenei di attivita' svolte all'interno di ogni singolo Ministero, allo scopo di perseguire obiettivi ben definiti nell'ambito delle finalita' istituzionali, riconosciute al Dicastero competente''.</p></div>

 

 

PREVISIONI DI ENTRATA - Analisi per Titolo e Categoriahttp://www.bdap.tesoro.it/sites/openbdap/cittadini/bilancideglienti/bilanciofinanziariostato/rendicontogeneraledellostato/Pagine/PrevisionidiEntrataAnalisiperTitoloeCategoria.aspxPREVISIONI DI ENTRATA - Analisi per Titolo e Categoria<a href="http://mstrbir.mef.gov.it/MicroStrategy/servlet/mstrWeb?Server=bllr-rgs-mstr93&Project=CONSIP+Bilancio+in+Rete&port=0&evt=2048001&src=mstrWeb.2048001&visMode=0&documentID=55954EC3445B2D93C26D2FAC778F46FA&currentViewMedia=8&hiddensections=header%2cpath%2cdockTop%2cdockLeft%2cfooter&uid=bilancio_web&pwd=Prima.1" target="_blank"> Consulta</a> <div class="testobox"><p>Cruscotto che consente la consultazione delle serie storiche delle previsioni di entrata che si prevede di accertare e di incassare nell'anno cui il bilancio si riferisce aggregando i relativi importi in base ai Titoli ed alle Categorie di Entrata I TITOLI rappresentano la piu’ ampia aggregazione delle operazioni di spesa. Essi si suddividono in: Entrate Tributarie (Titolo I), Entrate Extra Tributarie (Titolo II), Alienazione ed Ammortamento Beni Patrimoniali e Riscossione Crediti (Titolo III), Accensione Prestiti (Titolo IV). I Titoli si articolano al loro interno in CATEGORIE, che aggregano le entrate di spese di articoli omogenei per natura economica (Imposte sul Patrimonio e sul Reddito; Tasse e Imposte sugli Affari; Monopoli; Lotto Lotterie ed altre attività di Giuoco.</p> </div>

 

 

PREVISIONI DI SPESA - Analisi per Missione e Programma o Missione e Ministerohttp://www.bdap.tesoro.it/sites/openbdap/cittadini/bilancideglienti/bilanciofinanziariostato/rendicontogeneraledellostato/Pagine/PrevisionediSpesaAnalisiMissioneeProgrammaMissioneeMinistero.aspxPREVISIONI DI SPESA - Analisi per Missione e Programma o Missione e Ministero<a href="http://mstrbir.mef.gov.it/MicroStrategy/servlet/mstrWeb?Server=bllr-rgs-mstr93&Project=CONSIP+Bilancio+in+Rete&port=0&evt=2048001&src=mstrWeb.2048001&visMode=0&documentID=6E0D3C4C4C09FBA8EF4F40B10E00B44C&currentViewMedia=8&hiddensections=header%2cpath%2cdockTop%2cdockLeft%2cfooter&uid=bilancio_web&pwd=Prima.1" target="_blank">Consulta</a> <div class="testobox"><p>Cruscotto che consente la consultazione delle serie storiche delle previsioni di spesa secondo la destinazione funzionale delle risorse finanziarie, a prescindere dal MINISTERO su cui sono stanziate, in modo da concentrare l'analisi sulle funzioni e sugli obiettivi perseguiti con la spesa pubblica (MISSIONI) e sulle attivita' con cui essi si realizzano (PROGRAMMI). Allo scopo di poter analizzare il coinvolgimento dei singoli Ministeri sugli obiettivi perseguiti dalle Politiche di Bilancio, l'area consente, inoltre, di consultare la ripartizione sui Ministeri delle risorse stanziate sulle singole Missioni.</p></div>

 

 

PREVISIONI DI ENTRATA - Analisi per Titolo, Natura, Tipologia, Proventohttp://www.bdap.tesoro.it/sites/openbdap/cittadini/bilancideglienti/bilanciofinanziariostato/rendicontogeneraledellostato/Pagine/PrevisionidiEntrataAnalisiperTitoloNaturaTipologiaProvento.aspxPREVISIONI DI ENTRATA - Analisi per Titolo, Natura, Tipologia, Provento<a href="http://mstrbir.mef.gov.it/MicroStrategy/servlet/mstrWeb?Server=bllr-rgs-mstr93&Project=CONSIP+Bilancio+in+Rete&port=0&evt=2048001&src=mstrWeb.2048001&visMode=0&documentID=D093723E402DD5CE2B6BFA8E2E8D0769&currentViewMedia=8&hiddensections=header%2cpath%2cdockTop%2cdockLeft%2cfooter&uid=bilancio_web&pwd=Prima.1" target="_blank">Consulta</a> <div class="testobox"><p>Cruscotto che consente la consultazione delle serie storiche delle previsioni di entrata che si prevede di accertare e di incassare nell'anno cui il bilancio si riferisce, secondo l'impostazione del disegno politico del bilancio finalizzato alla decisione parlamentare (il cosiddetto ''Bilancio Decisionale''). Ai sensi della nuova classificazione delle poste contabili, le entrate sono articolate in quattro livelli di aggregazione. Al primo livello permane la suddivisione in quattro TITOLI, che raggruppano le entrate in: TRIBUTARIE, EXTRATRIBUTARIE, ALIENAZIONE E AMMORTAMENTO DI BENI PATRIMONIALI, RISCOSSIONE DI CREDITI O ACCENSIONE DI PRESTITI. Al secondo livello, le entrate sono classificate in base alla loro NATURA ricorrente o non ricorrente. Al terzo livello, e' evidenziata la TIPOLOGIA dell'entrata, che, per le entrate tributarie, individua i tributi piu' importanti, ovvero gruppi di tributi aventi caratteristiche analoghe, mentre per i restanti titoli i criteri di aggregazione sono finalizzati a chiarirne il contenuto.</p></div>

 

 

PREVISIONI DI SPESA - Analisi per Titolo e Categoria o Titolo e Macroaggregatohttp://www.bdap.tesoro.it/sites/openbdap/cittadini/bilancideglienti/bilanciofinanziariostato/rendicontogeneraledellostato/Pagine/PrevisionidiSpesaAnalisiperTitoloeCategoriaTitoloMacroAggregato.aspxPREVISIONI DI SPESA - Analisi per Titolo e Categoria o Titolo e Macroaggregato<a href="http://mstrbir.mef.gov.it/MicroStrategy/servlet/mstrWeb?Server=bllr-rgs-mstr93&Project=CONSIP+Bilancio+in+Rete&port=0&evt=2048001&src=mstrWeb.2048001&visMode=0&documentID=4C3D0474495CD91E41C86398AF1A4AA8&currentViewMedia=8&hiddensections=header%2cpath%2cdockTop%2cdockLeft%2cfooter&uid=bilancio_web&pwd=Prima.1" target="_blank">Consulta</a> <div class="testobox"><p>Cruscotto che consente la consultazione delle serie storiche delle previsioni di spesa aggregando i relativi importi in base ai Titoli ed alle Categorie di Spesa, o in base ai Titoli ed ai Macroaggregati di Spesa. I TITOLI rappresentano la piu' ampia aggregazione delle operazioni di spesa. Essi si suddividono in: Spese Correnti, o di funzionamento (Titolo I); Spese in Conto Capitale, o di investimento (Titolo II); Spese per il Rimborso di Prestiti (Titolo III). I Titoli si articolano al loro interno in CATEGORIE, che aggregano spese di capitoli omogenei per natura economica (per la spesa corrente, Redditi da Lavoro Dipendente, Trasferimenti Correnti, Interessi Passivi; per la spesa in conto capitale, investimenti fissi lordi, contributi agli investimenti). I MACROAGGREGATI si distinguono per le spese correnti in: spese di funzionamento, spese per interventi, spese per trattamenti di quiescenza ed altri trattamenti integrativi o sostitutivi di quest'ultimi, spese per oneri del debito pubblico e per oneri comuni, per le spese in conto capitale in: spese d'investimento, spese per oneri comuni ed altre spese in conto capitale, per il rimborso dei prestiti in: spese per il rimborso del debito pubblico.</p></div>

 

 

Atti Dovuti in Formato Elaborabilehttp://www.bdap.tesoro.it/sites/openbdap/cittadini/bilancideglienti/bilanciofinanziariostato/rendicontogeneraledellostato/Pagine/AttiDovutiFormatoElaborabile.aspxAtti Dovuti in Formato Elaborabile<div class="testobox"><p>In attuazione alla disposizione di cui al Punto 2, Art.6, L. 196/2009, i dati oggetto dei disegni di legge e nelle leggi di cui agli articoli 11, 21, 33 e 35 della L. 196/2009 e dei rispettivi allegati vengono pubblicati in formato elaborabile. In attuazione di quanto disposto al Punto 2, Art.6, L. 196/2009, i dati oggetto del "Rendiconto generale dello Stato" (REND) vengono pubblicati in formati scaricabili sui propri dispositivi per essere elaborati ed analizzati localmente. Sono disponibili i file contenti tre differenti aggregazioni dei dati oggetto del REND: i dati di Entrata a livello di "Articolo", i dati di Spesa a livello di "Capitolo" e di "Piano di Gestione". I formati disponibili sono: CSV JSON OData XML/Atom. I dati possono essere anche analizzati per filtrarli prima di scaricarli sul proprio dispositivo; inoltre, a supporto della opportuna comprensione dei contenuti, essi sono completati da un allegato contenente la loro descrizione e rappresentazione gerarchica (vedi file metadati).</p> </div>

  1. Rendiconto Elaborabile - Entrate per Capitolo e Articolo

    Dati di Entrata relativi al Rendiconto Pubblicato per l'esercizio finanziario di riferimento

    consulta
  2. Rendiconto Elaborabile - Spese per Capitolo

    Dati di Spesa relativi al Rendiconto Pubblicato per l'esercizio finanziario di riferimento

    consulta
  3. Rendiconto Elaborabile - Spese per Capitolo e Piano di Gestione

    Dati di Spesa relativi al Rendiconto Pubblicato per l'esercizio finanziario di riferimento

    consulta

 

 

Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 22 09 2014, Art.3http://www.bdap.tesoro.it/sites/openbdap/cittadini/bilancideglienti/bilanciofinanziariostato/rendicontogeneraledellostato/Pagine/DecretodelPresidentedelConsigliodeiMinistri.aspxDecreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 22 09 2014, Art.3<div class="testobox"><p>Art. 3: Schemi e modalita' da adottare per i dati relativi alle entrate e alla spesa di cui al bilancio preventivo e consuntivo delle amministrazioni centrali dello Stato. In questa sezione sono p​ubblicati i dati relativi alle entrate e alle spese del bilancio preventivo e consuntivo delle amministrazioni centrali dello Stato secondo l’art. 3 del DPCM 22 settembre 2014: I dati relativi alle previsioni di entrata, di competenza e di cassa, della Legge di bilancio e del Rendiconto generale dello Stato sono pubblicati con riferimento all'articolo e con indicazione del titolo, della natura, della tipologia, della categoria economica e dell'attivita'/provento, nonche' del centro di responsabilita', secondo lo schema di cui all'allegato 1 dello stesso decreto. I dati sulla spesa di competenza e di cassa della Legge di bilancio e del Rendiconto generale dello Stato sono pubblicati con riferimento al capitolo di spesa e con indicazione dello stato di previsione, del centro di responsabilita', della missione, del programma, della categoria economica e della classificazione funzionale in base allo standard internazionale COFOG (Classification of the Functions of Government), secondo lo schema di cui all'allegato 1. Il Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato pubblica i dati relativi alle entrate e alla spesa di cui ai commi 1 e 2 in un'apposita sezione del sito del Ministero dell'economia e delle finanze, accompagnati da metadati, in un formato tabellare aperto che ne consenta l'esportazione, il trattamento e il riutilizzo ai sensi dell'art. 7 del decreto legislativo n. 33 del 2013. Ciascuna amministrazione centrale dello Stato pubblica altresi' i medesimi dati della spesa concernenti il proprio stato di previsione, secondo le modalita' indicate all'art. 2, comma 3, tramite un collegamento internet all'apposita sezione del sito del Ministero dell'economia e delle finanze. I dati relativi alla Legge di bilancio sono pubblicati entro il 31 gennaio dell'anno successivo a quello di riferimento e quelli relativi al Rendiconto generale dello Stato entro il 31 luglio dell'anno successivo a quello di riferimento.</p></div>

 

 

G8 Open Data Action Plan - Spese del Bilancio dello Statohttp://www.bdap.tesoro.it/sites/openbdap/cittadini/bilancideglienti/bilanciofinanziariostato/rendicontogeneraledellostato/Pagine/ReportisticaG8OpenData.aspxG8 Open Data Action Plan - Spese del Bilancio dello Stato<div class="testobox"><p>A giugno 2013, l’Italia ha sottoscritto la G8 Open Data Charter e, insieme ai paesi membri del G8, si è impegnata ad attuare una serie di attività di open data nell’ambito del Piano d’azione collettivo dei Paesi del G8.  In conformità con l' "open Data Action Plan" sottoscritto dall' Italia, a partire da luglio 2013 vengono pubblicati i singoli capitoli di bilancio del Disegno di Legge di Bilancio, la Legge di Bilancio, la Legge di Assestamento e il Rendiconto Generale dello Stato, con ripartizioni dettagliate per Ministero, centro di responsabilità, missione e programma, natura economica della spesa (secondo la base SNA/ESA 95), classificazione funzionale COFOG. I dataset presentano dunque le previsioni di spesa e i valori reali sulla fonte e destinazione delle risorse finanziarie per comprendere la responsabilità amministrativa e gli obiettivi politici. Il bilancio dello Stato espone le entrate e le uscite dell'amministrazione statale, relative ad un determinato periodo di tempo (Esercizio finanziario). Come tale svolge un’importante funzione conoscitiva, in quanto fornisce informazioni sulle risorse pubbliche disponibili e sulla loro destinazione. Inoltre costituisce il riferimento per la decisione politica, perché è sulla base di esso che viene definita l’allocazione delle risorse finanziarie disponibili tra le diverse funzioni svolte dallo Stato. Una volta stabilita tale allocazione, il bilancio costituisce il riferimento per la gestione delle risorse finanziarie nella realizzazione di quanto programmato. L’unità temporale della gestione è rappresentata dall’anno finanziario che inizia il 1° gennaio e termina il 31 dicembre. Il bilancio dello Stato è disciplinato dalla legge di contabilità e finanza pubblica, legge 31 dicembre 2009 n. 196 e successive modificazioni. Il bilancio dello Stato è composto dallo stato di previsione dell’entrata e dagli stati di previsione della spesa di ciascun Ministero. Uno dei principali elementi di articolazione degli stati di previsione della spesa è costituito dalla classificazione per Missioni e Programmi, che mette in luce le finalità perseguite con le risorse finanziarie dello Stato. Le Missioni, infatti, rappresentano le funzioni principali e gli obiettivi strategici perseguiti con la spesa; all’interno di ciascuna Missione, i Programmi costituiscono aggregati omogenei di attività svolte all'interno di ogni singolo Ministero, per perseguire gli obiettivi definiti nell’ambito di ciascuna Missione. I Programmi costituiscono le unità di riferimento per il voto espresso dal Parlamento sul bilancio dello Stato. A partire dal disegno di legge di bilancio per il triennio 2017-2019, in attuazione della delega di cui all’art. 40 lett. e), i programmi sono a loro volta articolati in azioni, le quali descrivono le finalità tra cui sono ripartite le risorse del programma. I dati del bilancio dello Stato possono essere analizzati in relazione ai diversi momenti del “ciclo di vita” del bilancio stesso. Il Disegno di Legge di Bilancio, rappresenta la proposta di bilancio sottoposta dal Governo al Parlamento; è redatto in ermini di competenza e di cassa. A partire dalla legge di bilancio per il triennio 2017-2019, per effetto dell’articolo 15 della Legge rinforzata n. 243 del 2012, la Legge n. 196 del 2009 è stata modificata dalla Legge n. 163 del 2016, eliminando la legge di stabilità, dando natura sostanziale alla legge di bilancio. La Legge di Bilancio è il risultato della decisione del Parlamento. È il bilancio di previsione approvato dalle Camere entro il 31 dicembre di ogni anno; espone le previsioni di competenza e di cassa per il triennio successivo e costituisce il rifermento per la gestione delle risorse finanziarie per l’anno finanziario successivo. Ai fini della gestione, alla data di entrata in vigore della Legge di Bilancio, le unità di voto parlamentare del bilancio (programmi) sono ripartite, con decreto del Ministro dell’economia e delle finanze, d’intesa con le amministrazioni interessate, in capitoli di spesa che rappresentano, per l’appunto, l’unità di riferimento per la gestione. Le previsioni di spesa contenute nella legge di bilancio rappresentano il limite massimo della spesa autorizzata. La Legge di assestamento è lo strumento con cui viene effettuata una revisione delle previsioni della Legge di Bilancio al fine di aggiornarle rispetto alla situazione di metà anno. Infatti, entro il mese di giugno di ciascun anno, il Ministro dell’economia e delle finanze presenta un disegno di legge ai fini dell’assestamento delle previsioni di bilancio, anche sulla scorta della consistenza dei residui attivi (entrate di bilancio non ancora versate nelle casse dello Stato) e dei residui passivi (impegni di bilancio non ancora pagati dallo Stato), così come viene quantificata in fase di rendicontazione dell’esercizio finanziario scaduto. Per tale ragione il disegno di legge di assestamento e quello del Rendiconto generale dello Stato vengono presentati al Parlamento contestualmente. Il Rendiconto Generale dello Stato, infine, chiude il “ciclo di vita” del bilancio ed espone i risultati della gestione dell’esercizio scaduto il 31 dicembre dell’anno precedente. Pone a confronto le previsioni di entrata e di spesa con quanto effettivamente realizzato, mettendo in luce le entrate ancora non percepite (residui attivi) e le spese rimaste da pagare (residui passivi). Il Rendiconto generale dello Stato, entro il 31 maggio dell’anno successivo all’anno di consuntivazione, viene inviato dal Ministro dell’economia e delle finanze, per cura del Ragioniere generale dello Stato, alla Corte dei conti per il giudizio di parificazione; in seguito alla restituzione del Rendiconto da parte della Corte dei conti al Ministro dell’economia e delle finanze, quest’ultimo, entro il mese di giugno, lo presenta al Parlamento per l’approvazione mediante un apposito disegno di legge, che rende definitivo e irrevocabile il contenuto del Rendiconto.</p></div>

  1. Rendiconto Generale dello Stato per capitoli

    Dati di Spesa relativi al Rendiconto Pubblicato triennio G8 OD action plan per l'esercizio finanziario di riferimento

    consulta

 

 

Open Datahttps://bdap-opendata.mef.gov.it/http://www.bdap.tesoro.it/sites/openbdap/cittadini/bilancideglienti/bilanciofinanziariostato/rendicontogeneraledellostato/Pagine/opendatarendicontogeneralestato.aspxOpen Data<div><p>Dalla seguente sezione è possibile accedere alla Piattaforma Open Data della Ragioneria Generale dello Stato dove sono pubblicati i <em>dataset "open"</em> navigabili sia in forma tabellare che grafica e scaricabili nei formati previsti dalle linee guida AgID. La piattaforma presenta funzionalità di ricerca testuale dei <em>dataset</em>, ognuno corredato dei relativi metadati, organizzati secondo una struttura ad albero.</p></div>

 

 

Rendiconto generale dello Statohttps://bdap-opendata.mef.gov.it/catalog/RND_SPE_ELB%20OR%20RND_ENT_ELB%20OR%20RND_SPE_G8ERendiconto generale dello Stato
Serie Storiche del bilancio dello Statohttps://bdap-opendata.mef.gov.it/catalog/CRUSerie Storiche del bilancio dello Stato

 

 

Open Datahttps://bdap-opendata.mef.gov.it/https://bdap-opendata.mef.gov.it/Open Data<div><p>Dalla seguente sezione è possibile accedere alla Piattaforma Open Data della Ragioneria Generale dello Stato dove sono pubblicati i <em>dataset "open"</em> navigabili sia in forma tabellare che grafica e scaricabili nei formati previsti dalle linee guida AgID. La piattaforma presenta funzionalità di ricerca testuale dei <em>dataset</em>, ognuno corredato dei relativi metadati, organizzati secondo una struttura ad albero.</p></div>